1. Home
  2. /
  3. Contenuti
  4. /
  5. Rimedi al Male
  • Rimedi al Male

    Il digiuno cristiano

    IL DIGIUNO ACCRESCE L’AZIONE DELLA “GRAZIA” NELLA LOTTA CONTRO IL MALIGNO   <Allora i discepoli si avvicinarono a Gesù in disparte e gli domandarono: “Perché non siamo stati capaci di scacciarlo?”. Egli rispose: “(…) Questa razza di demoni non si scaccia se non con la preghiera e il digiuno“> (Mt 17,19-21).     Per approfondire la questione sul perché Gesù abbia affermato che un determinato tipo di demòni non lo si possa scacciare se non con la preghiera e il digiuno, dobbiamo prima di tutto chiarire un altro punto: non tutti i demoni sono uguali.   I demoni hanno mantenuto la loro natura angelica, pur avendola “deformata” col peccato. Da un punto di vista “naturale” essi…

  • Rimedi al Male

    Le Sacre Scritture

    LA PAROLA DI DIO CI VIVIFICA E, COME SPADA TAGLIENTE, CI DIFENDE DAL MALIGNO   In un’ottica di lotta contro gli influssi e i disturbi provocati dal Maligno, può giovare molto – oltre al ricorso ai Sacramenti e alla Preghiera – la lettura meditata delle Sacre Scritture.     “La parola di Dio, infatti, è viva ed energica e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino all’intimo dell’anima e dello spirito, delle giunture e delle midolla, e discerne i sentimenti e i pensieri del cuore” (Eb 4,12).   La Parola di Dio è viva! Questo è un concetto che non dobbiamo dimenticare. E in quanto viva, riesce a “vivificare” il nostro spirito, penetrandolo fin nel profondo e inondandolo di…

  • Rimedi al Male

    L’Eucaristia

    L’EUCARISTIA, CIBO DELL’ANIMA   L’anima, come anche il corpo, ha bisogno di sostentamento; se non avessimo l’Eucaristia come potremmo fortificarci contro gli attacchi del Maligno? Saremmo certamente deboli… Ciò che l’alimento materiale produce nella nostra vita fisica, la Santa Comunione lo realizza in modo esemplare nella nostra vita spirituale.   Leggiamo nel Catechismo della Chiesa Cattolica al n°1393: <La Comunione ci separa dal peccato. Il Corpo di Cristo, che riceviamo nella Comunione, è “dato per noi”, e il Sangue che beviamo, è “sparso per molti in remissione dei peccati”. Perciò l’Eucaristia non può unirci a Cristo senza purificarci, nello stesso tempo, dai peccati commessi e preservarci da quelli futuri>.   Siate assidui nella frequenza all’Eucaristia:…

  • Rimedi al Male

    La Preghiera di Gesù, la santa Messa e il Rosario mariano

    LA PREGHIERA DI GESÙ E LA PREGHIERA DEL CUORE   “Quanto chiederete nel mio nome lo farò, affinché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualcosa nel mio nome, io lo farò” (Gv 14, 13-14).   Cari amici, dobbiamo capire una cosa, una cosa molto importante: il divino nome di Gesù può compiere miracoli! Davvero! La potenza che scaturisce dall’invocare con fede – con fede! – il nome di Gesù, è un qualcosa che va ad agire sulle profondità dell’anima e che ha il potere di cambiarci profondamente e di unirci più intimamente a Dio.   Il segreto per liberarci dagli influssi del Male è anche quello di seguire fino in fondo le vie dello Spirito, abbandonandoci con fede a…

  • Rimedi al Male

    La confessione sacramentale

    A CONFESSIONE SACRAMENTALE: PRIMO PASSO VERSO LA LIBERAZIONE…   Padre Gabriele Amorth (esorcista romano) ha più volte ribadito che laddove si possa pensare di avere a che fare con una possessione diabolica, in realtà il più delle volte non ci sia bisogno di alcun esorcismo, ma bensì di una conversione del cuore, ormai indurito e pesante (cf Ez 36,26-27), a partire da una buona confessione.   La confessione è un dono molto più importante dell’esorcismo: la confessione scaccia via il Male dalla nostra anima, l’esorcismo solo dal nostro corpo. La confessione – in forza del sangue di Cristo versato per noi sulla croce – cancella i nostri peccati, taglia le radici che ci legano a Satana, ci santifica…

  • Rimedi al Male

    La conversione

    A CONVERSIONE A CRISTO COME RINUNCIA A SATANA   Tutti gli esorcisti sanno bene che affinché un esorcismo possa liberare dalla presenza diabolica, c’è la necessità che il posseduto collabori: colui che deve essere esorcizzato deve desiderare la propria liberazione dal demonio, e deve collaborare con l’esorcista – nei limiti delle proprie possibilità – perché questo avvenga.   Ma questa “collaborazione” in che modo deve attuarsi? È Gesù stesso a dircelo: “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è giunto: convertitevi e credete al vangelo” (Mc 1,15).   Colui che è vittima del Maligno deve mettere in atto una sincera conversione a Dio, e quindi vivere una vita cristiana “vera” all’insegna della grazia fortificante che scaturisce dall’assidua frequenza ai Sacramenti, specialmente la Confessione e l’Eucaristia (meglio…

Translate »